Archivio tag: crisi

CRISI: CENSIS; COLDIRETTI, NIENTE PANICO: A TAVOLA SALE DOC E BIOLOGICO

Il fatto che crescano notevolmente gli acquisti familiari di alimenti di qualità come il vino a denominazione di origine (+7 per cento) e gli alimenti biologici (+ 5 per cento) con una sostanziale stabilità dei consumi alimentari complessivi nel 2008, conferma l’analisi del Censis sul fatto che “alla qualita’ della vita non si voglia rinunciare”. E’ quanto afferma la Coldiretti che nel commentare il quadro tratteggiato dal ‘Diario della Crisi’ redatto dal Censis, secondo il quale, di fronte alla crisi ”la reazione degli italiani sembra essere improntata ad una sostanziale razionalita’”.

Nonostante la crisi secondo le elaborazioni Coldiretti su dati Ismea sono aumentati i consumi di alimenti di “qualità” come ad esempio la frutta e verdura biologica, fresca e trasformata, che nel 2008 ha fatto segnare un balzo nei consumi domestici del 20 per cento.

Nel 2008 – continua la Coldiretti – è avuto un incremento record dell’ 8 per cento la spesa in campagna nelle aziende o nei mercati degli agricoltori per un valore delle vendite per un totale stimato in 2,7 miliardi di Euro. Tra le motivazioni che spingono a questa modalità di acquisto senza intermediazioni, secondo l’indagine Swg/Coldiretti, la genuinità (63 per cento) seguita dal gusto (39 per cento) battono nettamente la ricerca del risparmio (28 per cento).

Tipico e biologico sono settori di eccellenza del Made in Italy in cui l’Italia detiene il primato a livello comunitario con cinquantamila aziende biologiche che coltivano oltre un milione di ettari, ben 176 denominazioni di origine riconosciute a livello comunitario e 4396 specialità tradizionali censite dalle regioni. L’Italia – precisa la Coldiretti – è diventato, con il sorpasso sulla Francia, anche il primo produttore mondiale di vino e sono 477 i vini a denominazione di origine controllata (Doc), controllata e garantita (Docg) e a indicazione geografica tipica (316 vini Doc, 41 Docg e 120 Igt).

Le tendenze di acquisto confermano le grandi potenzialità del Made in Italy anche in tempi di crisi ma evidenziano anche – conclude la Coldiretti – che il crollo di redditi in agricoltura non dipende dalla crisi generale ma dalla inefficienza della filiera lungo la quale i prezzi che moltiplicano di cinque volte dal campo alla tavola.


Lettera Aperta al Presidente della ceramica Iris, Dott. Romano Minozzi

Ospitiamo oggi una lettera accorata del Piccinini Dott. Ivano, Presidente del Gruppo Civico “ Conto anch’io a Sassuolo”, in merito alla crisi del Gruppo Iris Ceramiche.

Iris Ceramiche/ Sindacati: Domani sciopero in aziende del Gruppo
ParmaOK –
Sarà in tutti gli stabilimenti del Gruppo Iris di Fiorano Modenese e dei due stabilimenti reggiani Graniti Fiandre e Ariostea. L’attivo dei delegati delle
Iris Ceramica/ Minozzi: Non scappo, non posso dissipare patrimonio Virgilio Notizie
Iris, la rabbia degli operai: “Blocchiamo le merci” Il Resto del Carlino
La crisi delle piastrelle di Modena RassegnaOnline
La Repubblica – Modena 2000
e altri 63 articoli simili »

 

Illustrissimo Dottore Romano Minozzi,

Facciamo appello al Suo senso di responsabilità e stima per evitare che l’ Iris arrivi alla liquidazione.
E’ con estremo disappunto e con una punta di protesta, ma anche con tanto desiderio di ricevere una spiegazione piu’ plausibile, che ci rivolgiano a Lei.
L’Iris è uno dei più importanti gruppi ceramici al mondo grazie anche al lavoro ed alla capacità di tante persone: operai,impiegati,tecnici e dirigenti.
L’azione di protesta che hanno deciso di mettere in atto i lavoratori e noi siamo solidali con loro è in qualche modo estrema e l’hanno intrapresa, senza sopravvalutarne il peso, senza pensare che possa essere determinante ma solo perché forse ritengono che in simili casi sia un dovere civile offrire il proprio contributo personale ad una giusta causa di “sopravvivenza”.
Noi ci crediamo ancora nel distretto ceramico perché crediamo nell’etica del lavoro, nella positività della fatica, nei risultati che nascono non dal caso ma dalla volontà. Noi ci crediamo perché cerchiamo di non arrenderci anche quando tutto sembra girare storto.
Noi crediamo che gli imprenditori di Sassuolo (in particolar modo Lei) siano migliori di quel che credono, e anche di quel che vogliono far credere.
La situazione è grave però altre aziende hanno fatto scelte diverse,non liquidano l’azienda ed i dipendenti,come Lei ha fatto-ipotizato improvvisamente .
Lei stesso mantiene in attività Graniti Fiandre ed Ariostea quindi non è probabilmente vera l’affermazione “non c’è più niente da fare, ci resta solo la scelta di chiudere l’azienda”.
Ci sono interventi che possono fare il governo(consistente diminuzione del prezzo del gas metano),gli enti locali ed anche Lei per tutelare l’attività delle ceramiche del nostro distretto senza scaricare i costi della crisi solo sui dipendenti senza alcuna considerazione per il contributo che hanno dato alle aziende ed alla società.
Bisogna allora attivarsi immediatamente affinche’ si apprestino, con la massima urgenza, tutte le misure possibili per fronteggiare una crisi che mette in ginocchio centinaia di famiglie e un’intera area,il distretto ceramico di Sassuolo, gia’ interessata da gravi “criticita’ occupazionali” negli ultimi periodi.
Voi imprenditori del distretto ceramico, da anni, non investite piu’ come una volta nelle vostre aziende in Italia e siete sempre piu’ proiettati ad investire all’estero. Allora corriamo ai ripari e valutiamo di sviluppare una zona franca di confine dove operare sgravi e agevolazioni fiscali per invogliarVi di nuovo ad investire.
La concorrenza è l’anima del mercato e questo è indubbio allora perché non applicare una politica diversa per una zona come quella del distretto ceramico soffocata dalla mancanza di sbocchi e sfiducia? Basterebbe abbassare l’Iva: così facendo si attirerebbero capitali e di conseguenza investimenti.
L’Iva al 20% non solo rende tante volte inaccessibile l’acquisto dei prodotti ceramici da parte dei consumatori privati, ma và anche forse a danneggiare gli stessi produttori (i prezzi finali sono decisamente alti e rendono la produzione italiana meno competitiva rispetto a quella straniera). Di conseguenza, uniformare l’Iva di tutti i prodotti ceramici al 4% elimina le discriminazioni e rende più vasta la vendita dei prodotti ceramici italiani attraverso i canali legali (vendite supportate da scontrini o ricevute fiscali).
Siamo certi che anche Lei,Dottore , come noi, sia gravemente preoccupato per le conseguenze drammatiche che l’occupazione nel nostro Paese rischia di subire e pensiamo che converrà che la politica dei tagli del personale sia miope e delittuosa, perché alla fine ucciderà il distretto ceramico.
Abbiamo cercato tra di noi di trovare delle spiegazioni, ma non siamo arrivati ad una conclusione, quindi non sappiamo se si tratti di intricati motivi stranamente personali o amministrativi o politici o di una decisione presa da qualcuno forse con troppa fretta e forse senza rendersi conto degli sviluppi della cosa., o se semplicemente Lei, ci permetta rispettosamente, in questo caso non abbia forse adempito al significato e all’importanza della sua riconosciuta stima qui e all’estero. Ed è allora a Lei che ci rivolgiamo direttamente, nella speranza di ricevere una spiegazione che ci faccia capire perchè molti lavoratori non avranno piu’ un posto di lavoro nel gruppo IRIS.
La preghiamo, Dottore, faccia in modo che questa liquidazione sia smentita nei fatti, che la “ceramica”, che è probabilmente un bene di tutti, non sia destinata a fare una simile fine .
Dottore, ci aiuti ad evitare un simile scempio, talmente grave da lasciare certamente traccia nella futura memoria storica.
Rimaniamo pertanto a Sua completa disposizione per ulteriori chiarimenti e per un eventuale incontro con tutti gli interessati.
Fiduciosi rispettosamente per un riscontro positivo , sentitamente ringraziamo anticipatamente per la cortese attenzione .
Le porgiamo sincere espressioni di stima e La ringraziamo ancora per la collaborazione che vorra’ prestarci , con l’occasione Le porgiamo i ns. migliori saluti e auguri di buon lavoro.

Piccinini Dott. Ivano
(Presidente del Gruppo Civico “ Conto anch’io a Sassuolo”)

– Gruppo civico Conto Anch’io a Sassuolo –
E-Mail: comitato.sassuolo@libero.it Tel. 346-7310852
http://www.comitatocontoanchiosassuolo.com/
http://comitato-sassuolo.blog.kataweb.it/


Made in Italy Il piano Ice: 185 milioni per le imprese

 

Made in Italy Il piano Ice: 185 milioni per le imprese
il Giornale –
Usa, Russia, India, Cina e Brasile sono i Paesi sui quali punterà il «made in Italy». Lo ha detto il sottosegretario al Commercio estero, Adolfo Urso,
185 milioni di euro per il Made in Italy News ITALIA PRESS
MADE IN ITALY: URSO, PER PROMOZIONE NEL 2009 PIANO ANTI-CRISI DA ASCA – Agenzia Stampa Quotidiana Nazionale
Made in Italy, il piano anti-crisi dell’Ice Fondazione Italiani
Wall Street Italia – Virgilio Notizie
e altri 20 articoli simili »