Miele made in Italy

Miele made in Italy: stanziati oltre 700 mila euro per la produzione di miele

Aperti due bandi indirizzati ai produttori. Le domande vanno presentate a febbraio e a marzo

La Regione Emilia-Romagna ha stanziato oltre 700 mila euro per i produttori di miele. Le risorse sono messe a disposizione attraverso due bandi. Un bando concede contributi contributi ai laboratori di smielatura e le domande vanno presentate entro il 15 marzo.
L´altro mette a disposizione finanziamenti per gli apicoltori e contro la varroasi. Il termine per la presentazione delle domande è il 22 febbraio.
Nella notizia si trova i commento dell´assessore regionale all´agricoltura Tiberio Rabboni.

Oltre 700 mila euro per i produttori di miele dell’Emilia-Romagna. Per qualificare un settore strategico, anche dal punto di vista ambientale, che dopo la sospensione dei neonicotinoidi, prodotti chimici per il trattamento delle sementi, ha visto nel 2009 una ripresa della produzione.

Le risorse sono messe a disposizione da due bandi regionali in scadenza il 22 febbraio e il 15 marzo 2010. Sono in particolare 240 mila euro i finanziamenti previsti per la concessione di contributi ai laboratori di smielatura per l’acquisto di macchine ed attrezzature, compresi i programmi informatici, per la lavorazione e il confezionamento del miele.


In questo caso le domande (Bollettino ufficiale n. 213 del 15/12/09) vanno presentate alle amministrazioni competenti per territorio (Province, Comunità Montana, Unioni di Comuni o Nuovo Circondario imolese) entro il 15 marzo.

Le restanti risorse, pari a 470 mila euro, sono invece quelle messe a disposizione per l’assistenza tecnica e la formazione degli apicoltori, la ricerca e la lotta alla varroasi. Il termine per la presentazione delle domande è entro il 22 febbraio (Bur n. 197 del 24/11/09).

Il commento dell’assessore regionale Tiberio Rabboni
“L´apicoltura – ha dichiarato l´assessore all´agricoltura Rabboni – svolge un ruolo particolarmente significativo sul piano produttivo ed ambientale. Solo per l´impollinazione delle piante da frutto, l´Osservatorio nazionale sulla produzione e sul mercato del miele stima che il ´lavoro gratuito´ delle api produca un valore di oltre 2,5 miliardi di euro.

Grazie alla sospensione dei prodotti chimici – i cosiddetti neonicotinoidi – per il trattamento delle sementi, fortemente voluta dalla Regione, si è registrato, nel 2009, un consistente aumento della produzione e una ripersa del numero di alveari che erano stati falcidiati dal fenomeno dello ´spopolamento´.
Siamo impegnati ad ottenere la definitiva messa al bando, nei periodi che coincidono con la piena attività delle api, di questi prodotti. Grazie alle risorse stanziate dalla Regione gli apicoltori possono quindi contare, in attesa del rifinanziamento del Regolamento comunitario 1234/2007 per il triennio 2011-2013, su una ulteriore possibilità per lo sviluppo del comparto”.


In Emilia-Romagna operano circa 10mila mila apicoltori, circa 800 dei quali professionali. In regione hanno la propria sede l’ex Istituto nazionale di apicoltura di Bologna oggi Cra–Api, l’Osservatorio nazionale della produzione e del mercato del miele di Castel San Pietro terme, il Conapi, Consorzio di apicoltori e produttori biologici. L’Emilia-Romagna si caratterizza anche per la presenza dei migliori selezionatori e allevatori di api regine del mondo.

 

 

Sei un produttore di miele? Fatti un sito gratis su Clappo.it e inizia a vendere!

Comments

comments

Lascia un commento